Gli alimenti light fanno dimagrire
Scopriamo insieme cosa nascondono

Curiosità 25 mar 2020

Un alimento piacevole da mangiare, deve avere delle quantità ben precise di sale, zuccheri e grassi, questi sono i maggiori responsabili del gusto e dell'odore dei cibi che mangiamo quotidianamente.

Quando compriamo prodotti “light”, una di queste tre componenti, di solito i grassi, viene ridotta se non addirittura eliminata rispetto al prodotto di partenza, con lo scopo di abbassarne drasticamente le calorie. Perciò un alimento con pochi grassi che abbia lo stesso sapore di partenza, dovrà avere inevitabilmente quantità maggiori di sale e di zuccheri.

Convinti della sua salubrità per via delle poche Kilocalorie presenti, ci sentiremo giustificati ad aumentarne le quantità senza sapere che a lungo termine avremo effetti come aumento della pressione arteriosa, aumento dell'acqua extracellulare ( ritenzione idrica) , e del grasso accumulato per via dell'innalzamento della glicemia.

La soluzione non è la totale astensione ovviamente, assumere questa classe di alimenti ci aiuterà a variare i sapori di una dieta montona, ma le quantità dovranno rispettare i canoni di una dieta bilanciata senza mai esagerare nelle dosi.

A cura del dott. Gianluca Leuti Biologo Nutrizionista
visita il sito

Oppure richiedi un appuntamento gratuito
chiama il 349 42 85 432
o invia una mail a info@nutrizionistaleuti.it